Desideri aumentare il traffico sul tuo sito web grazie a Facebook? Stai cercando idee efficaci per aumentare il traffico dei tuoi post? Oppure vuoi semplicemente “dirottare” più persone possibili da Facebook al tuo sito o Landing Page? In questo articolo imparerai quali errori non fare e quali idee mettere in pratica per ottenere più traffico su Facebook e quindi più potenziali clienti da convertire sul tuo sito.

Una delle migliori strategie da usare su Facebook è proprio quella di spostare il traffico e gli utenti su una pagina web specifica o su un sito web in generale. Personalmente, utilizzo questa tecnica da anni: sfrutto il mio blog creando contenuti che condivido e sponsorizzo su Facebook per far aumentare il Traffico organico e a pagamento dal Social. Grazie ad una strategia del traffico efficace riesco a spostare l’utente sul mio sito dove non ho regole restrittive per comunicare, dove posso comunicare senza il rischio di essere bannato e tanto altro.

Quindi, se non stai applicando una strategia precisa o se quella che usi non porta a nulla ti consiglio di utilizzare la strategia che io stesso utilizzo: generare e aumentare traffico verso il tuo sito o blog sfruttando Facebook. In questo post vedremo come portare più traffico possibile nel modo corretto e conoscendo il modo in cui ragiona l’algoritmo di Facebook.

Partiamo con questa carrellata di idee e spunti per ottenere traffico e quindi aumentare la possibilità di convertire gli utenti…

#1: Evitare Post che non rispettano l’algoritmo di Facebook

Il marketing su Facebook non è mai stato così difficile. Quella che era una fonte di traffico significativa, oggi si è trasformata in un luogo in cui è difficile ottenere clic e quindi promuoversi. Le strategie che hanno funzionato uno o due anni fa ora potrebbero farti avere meno copertura non solo sui singoli post ma sull’intera strategia. Facebook cambia ogni mese circa, quindi anche la tua strategia deve rimanere al passo.

Se vuoi indirizzare più traffico sul tuo sito Web da Facebook, una delle tue maggiori barriere è l’ algoritmo che è in continua evoluzione e, spesso, sempre più restrittivo.

Ecco 3 tipi di post su Facebook che generano effetti negativi (cioè effetti che non sono graditi all’algoritmo) e come migliorare i tuoi post per allinearli maggiormente alle preferenze dell’algoritmo.

Elimina i Post che Generano Clickbait

Nel 2014, Facebook ha iniziato a penalizzare tutto ciò che rientrava nel famoso clickbait. Cosa vuol dire clickbait? Post che sono sensazionali e che contengono informazioni importanti o fuorvianti per il lettore con l’obiettivo di portare più traffico verso un sito Web.

Ecco due esempi:

  • “Una star Italiana è stata scortata fuori da un locale notturno per motivi di sicurezza.” Questo ti rivela tutto – quale star era?
  • “Questo trucco ti farà perdere 20 KG in una settimana.” Questo post è molto fuorviante e sono sicuro che l’algoritmo lo penalizzerà.

Questi tipi di post venivano (e vengono) utilizzati per ottenere molti più clic, il che significava vederli apparire più in alto nel feed di notizie. Il problema per Facebook era che questa tecnica portava spesso a contenuti di scarsa qualità.

Il primo step di Facebook per combattere la diffusione del clickbait era misurare quanto tempo le persone trascorrevano su un sito prima di tornare su Facebook: più è lungo, meglio è. Ciò significa che devi trovare un modo per mantenere alto l’interesse del tuo visitatore sul tuo sito. Più l’utente resta sul tuo sito, dopo aver cliccato sul post, più l’algoritmo premierà il tuo contenuto mostrandolo sempre in alto e a più utenti.

Nel 2016, Facebook ha rilasciato un altro aggiornamento progettato per affrontare il problema. Questa volta il team di Facebook ha identificato alcune frasi nei titoli come clickbait che portavano sempre a contenuti di scarsa qualità. Ecco cosa annunciava Facebook: “I Link pubblicati o condivisi da Pagine o domini che pubblicano costantemente titoli clickbait appariranno più in basso nel feed delle notizie”.

Cosa significa questo? Se pubblichi costantemente parole o post che generano clickbait sulla tua pagina o che portano sul tuo sito Web, vedrai una diminuzione della copertura dei tuoi post, della tua pagina e di tutti i link pubblicati su Facebook dal tuo sito. Tutto chiaro? Questo passaggio è fondamentale per evitare problemi e non perdere traffico e utenti…

+ Cosa fare invece

Quando crei contenuti per il tuo sito Web assicurati che i titoli non vengano considerati clickbait da Facebook. Evita di usare un linguaggio sensazionale, esagerato o fuorviante.

Quando condividi su Facebook offri ai lettori un’anticipazione di cosa c’è nei contenuti linkati. In questo modo, sapranno se il contenuto è prezioso prima di fare clic. Così facendo non rischierai penalizzazioni per un rimbalzo alto (cioè il tasso di abbandono dal tuo sito)

Per mantenere più a lungo i lettori sul tuo sito assicurati che le tue pagine Web siano ottimizzate per i dispositivi mobili e includano sottotitoli per guidare le persone nel cercare informazioni. Controlla altri parametri del tuo sito, fai in modo che la lettura sia la più confortevole possibile.

Elimina i messaggi di “engagement bait”

Maggiore coinvolgimento significa maggiore copertura e, in definitiva, più clic sui link condivisi su Facebook. Ma sbagli se provi a gonfiare in modo artificiale il coinvolgimento. L’algoritmo di Facebook comprende subito questo tipo di pratica. Come dicono a Napoli: “Ca’ Nisciun è Fess: algoritmo compreso”

Alla fine del 2017, Facebook ha rilasciato un nuovo aggiornamento dell’algoritmo per penalizzare ciò che chiamavano “engagement bait”. Facebook ha annunciato che avrebbero usato l’apprendimento automatico per identificare i post che incoraggiano le persone a mettere like, commentare, taggare o condividere, promettendo di “degradare” i post nel feed di notizie che utilizzano queste esche.

Se la tua pagina utilizza ripetutamente queste tattiche, potresti vedere un calo generale della portata sui post e sulla pagina.

+ Cosa fare invece

Evita di usare nei tuoi contenuti parole come “Like”, “Voto”, “Commento” e “Tag” e tanti altri.

In questo modo l’algoritmo capirà subito se analizzare il tuo contenuto o lasciarlo andare. Quindi se non vuoi perdere tempo a scrivere contenuti che poi non raggiungono le persone, evita queste parole e cerca di spingere le persone ad interagire in modo naturale. Se non sai come fare, Contattami e ti spiegherò come farlo in modo etico e senza ricevere penalizzazioni.

Elimina post con immagini o video che presentano Link nelle descrizioni

Sempre nel 2014, un aggiornamento di Facebook ha sottolineato la negatività di condividere link nelle descrizioni o nei testi. Alcuni esperti di marketing utilizzavano la condivisione di un link nella didascalia di una foto o di un video anziché utilizzare la pubblicazione nativa di link su Facebook.

Facebook preferisce che venga pubblicato il link con la funzione nativa; infatti, ad un certo punto, è sparita la possibilità di poter modificare la descrizione di un link condiviso. Questo proprio per evitare che qualcuno possa preparare un’anteprima fuorviante su Facebook.

Ancora una volta Facebook degrada chi sfrutta questa tecnica.

Un esperimento del 2018 ha confermato che i post con link ottengono più clic rispetto alle immagini con link nelle didascalie.

+ Cosa fare invece

Pubblica sempre i tuoi link come post nativi su Facebook. Da sempre utilizzo questa funzione e credo che Facebook abbia fatto bene a bloccare eventuali modifiche. In questo modo si garantisce uniformità di contenuto tra il social e il sito.

Oggi, se vuoi fare Marketing su Facebook devi assolutamente conoscere questi limiti e/o regole che l’algoritmo impone ogni mese. Non conoscerle significa perdere tempo, soldi e clienti.

#2: Analizza su Facebook i link che generano un elevato traffico di click-through

Ora che sei pronto per sfruttare al massimo l’algoritmo di Facebook devi decidere quale tipo di link condividere sul social. Quali sono i contenuti che hai sul tuo sito web e che attireranno il tuo pubblico di Facebook? Quale contenuto ti porterà più traffico? Diamo un’occhiata a come puoi identificare i tipi di post che cattureranno l’attenzione del tuo pubblico su Facebook.

Utilizza Facebook Insights per valutare le prestazioni dei post della tua pagina Facebook

Cosa puoi pubblicare su Facebook che faccia cliccare i tuoi link? Ti Consiglio di fare un test.

Inizia a pubblicare link sulla tua pagina Facebook almeno tre volte a settimana per 28 giorni. Questi link devono puntare al tuo sito. Ovviamente ti consiglio di fare come faccio io: condivido contenuti di qualità grazie al mio blog.

Alla fine dei 28 giorni, scarica i tuoi dati da Insights a livello di pagina. Per fare ciò, apri la scheda Approfondimenti sulla tua pagina e fai clic su Esporta dati.

https://pictografico.it/wp-content/uploads/2019/09/insight-facebook-pictografico.png

Nella finestra pop-up, seleziona il rapporto Dati dei post e scegli l’intervallo di tempo che desideri analizzare (in questo caso 28 giorni). Quindi decidi se scaricare un file CSV o XLS.

Dopo aver scaricato il file, aprilo in Excel e ordina i dati per tipo in modo da poter vedere tutti i post dei link insieme e capire quali hanno ottenuto più click.

Una volta che scopri quali link hanno generato più traffico, devi capire il perché.

Analizza i tuoi post più performanti. Perché pensi che ottengano il maggior numero di clic? Ecco alcune domande da farsi:

  • È l’argomento del post?
  • È la didascalia che hai aggiunto?
  • Provoca emozione?
  • È l’ora che fa la differenza?
  • Hai usato emoji?

Effettuando questo test, saprai cosa funziona nella tua pagina. Ma otterrai anche clic da altre fonti che rimandano ai tuoi contenuti da Facebook. In questo modo saprai cosa piace al tuo pubblico e cosa funziona. Non saltare questo passaggio, è fondamentale…

#4: Crea 4 tipi di contenuti su Facebook che indirizzano il traffico sul tuo sito

La presenza di persone all’interno dei tuoi contenuti ne aumenta la condivisione. Le persone condivideranno il tuo post con il loro pubblico dandoti più copertura e clic. In sostanza, cerca di parlare di persone nei tuoi post per aumentare la portata.

Ma Quali tipi di contenuti dovresti realizzare?

Prendi in considerazione quello di offrire sempre qualcosa a chi legge il tuo post. Per esempio, io spesso regalo qualche mio contenuto in modo del tutto gratuito. Ultimamente ho regalato una lista che ti spiega come ottenere maggiori risultati su Facebook e su altri social. Cliccando sul post di Facebook verrai portato su un post blog del mio sito e potrai scaricare il contenuto dopo aver letto l’articolo.

Fai lo stesso, non avere il “Braccino Corto”. Ogni mese o ogni 2 mesi offri gratuitamente un tuo report, pdf, consulenza o altro che stimoli la lettura dei tuoi contenuti. Ovviamente se questo è possibile e se puoi farlo.

Offri incentivi a chi legge!

Gli incentivi o sconti o coupon da scaricare sono un ottimo modo per costruire la tua lista e-mail e, se combini questa tecnica con un post di Facebook, potresti ottenere molti clic sul sito web.

Usa una landing page per il tuo incentivo, otterrai più download e manterrai le persone sul sito più a lungo, cosa che, come sai, piace all’algoritmo di Facebook.

Quale dovrebbe essere il tuo incentivo o lead magnet? Potresti già avere un eBook, una checklist, un mini-corso per creare la tua lista, oppure hai mai chiesto al tuo pubblico di Facebook cosa vorrebbe? Chiedi loro di scegliere un omaggio e dai loro diverse opzioni tra cui scegliere.

Oppure, crea un contest tra i lettori dei tuoi contenuti: quando hai un chiaro vincitore, fai sapere dell’omaggio nel thread dei commenti, fai sapere ai tuoi follower che l’hai pubblicato e che c’è un vincitore. Poiché il pubblico di Facebook ha contribuito a creare il tuo contest, sarà più probabile che ti aiutino ad avere una maggiore portata e o condivisioni.

Facebook vuole che gli utenti rimangano sulla piattaforma il più a lungo possibile il che significa che devi condividere contenuti che interessano al tuo pubblico e mantengono il valore promesso.

In questo articolo, abbiamo visto insieme su quali argomenti di contenuto è più probabile che il tuo pubblico faccia clic per poi andare sul tuo sito. Nei prossimi giorni, condividerò come strutturare e pubblicare i tuoi post link su Facebook per generare un maggiore numero di clic e coinvolgimento.

In questo post ti ho spiegato l’importanza di conoscere l’algoritmo di Facebook se vuoi davvero usare al meglio questo Social e quindi generare Traffico verso il tuo sito. Ovviamente non è semplice, Facebook negli anni è diventato un social media complesso che richiede conoscenze specifiche per poter essere utilizzato al meglio.

Qualche anno fa bastava fare una inserzione con due righe, una foto e un numero di telefono. Oggi attirare l’attenzione richiede tecniche, sforzi, conoscenze e tanta esperienza. Se tu non vuoi passare le tue giornate a giocare con l’algoritmo di Facebook, richiedi subito la mia Speciale Consulenza Telefonica Gratuita.

Ti spiegherò come gestire al meglio Facebook per trovare clienti al minor costo e nel minor tempo possibile. Ti basta solo cliccare qui e inserire i tuoi dati…

Che la Forza Di Facebook Sia Con te!

Ti aspetto al prossimo articolo, Giando 🙂